L’antica ricetta dei fagottini di mele

Sembra un’antica ricetta quella per preparare i fagottini di mele secondo  “Il nuovo oracolo delle torte” Edizioni del Baldo 2012. Morbidi ma fragranti sono davvero i migliori energetici della stagione autunnale. Adatti alla prima colazione, come si usa in alcune città, senza dubbio speciali per la merenda, se caldi e ben accompagnati.

Fagottino di mele della Pasticceria Serafino di Pesaro in una fotografia di Cristina Principale per godocoldolce.it

Fagottino di mele della Pasticceria Serafino di Pesaro in una fotografia di Cristina Principale per godocoldolce.it

Il primo suggerimento per una preparazione pratica è acquistare una confezione di pasta sfoglia già pronta, come se ne trovano di molto buone sul mercato.
Serviranno anche
4 mele
8 amaretti
la scorza grattugiata di 1 limone
3 cucchiai di zucchero
circa 1/2 bicchiere di latte intero
cannella (se si vuole)

Preparazione

Sbucciare le mele, tagliandole a fettine sottili  e sbriciolare lentamente gli amaretti, da unire insieme alla scorza grattugiata del limone, lo zucchero e 1 cucchiaio di eventuale cannella (molti non la gradiscono).
Stendendo la pasta sfoglia, si ottengano dei rettangoli di pasta grandi quanto il palmo di una mano, sui quali appoggiare il composto delle mele con gli ingredienti elencati. Procedere chiudendoli sui lati, appoggiando al centro altre fettine di mele a decorare, o portando i lembi  del rettangolino di pasta verso l’alto come a chiudere un fazzoletto, avendo cura di inumidire le punta delle dita con dell’acqua fredda, premendo in modo che il ripieno non fuoriesca. Spennellarne la superficie infine con del latte intero prima di riporli su una placca da forno rivestita di carta, infornando per circa 15 minuti a 200° fino a raggiungere una adeguata doratura.

Il secondo suggerimento è cospargerli di granellini di zucchero o servirli accompagnati da una coppetta di zabaione.

Ad maiora

GD Star Rating
a WordPress rating system

Golosa dal 1984. Storica dell’arte, e-writer e fotografa. Lavora nell’editoria, dedita al teatro e alla cucina.

Leave a Reply

Next ArticleCrema di ricotta