Il gelato come resistenza all’omologazione

Andrea Bandiera - Gelateria Scirocco

C’è un signore singolare a Bologna, un tempo, in un’altra vita, faceva un altro mestiere, il progettista nel campo dell’elettronica.

Nel 2005 ha aperto una gelateria decidendo di cambiare lavoro. O forse no.
Comunque. Ha cominciato a progettare una gelateria e poi i gelati.

Presto vi parlerò di quelli, intanto mi piace accennare ad una parte marginale ma significativa della sua produzione. Andrea Bandiera, così si chiama, riproduce e reinterpreta, tutti i classici dell’industria dolciaria del dopoguerra. Lo fa con spirito di ricerca e ingredienti di primissima qualità generando così una provocazione, un messaggio nascosto nella bottiglia, ops nel gelato: quanti modi ci sono di fare una cosa? Davvero quello che costa meno è anche più conveniente? Davvero la produzione industriale di beni di consumo è la sola strada per vivere, lavorare, produrre, godere?

Continuate a seguirci nei prossimi giorni, ne vedremo delle belle, ops, scusate, delle buone. Cremeria SciroccoBologna

Godo

GD Star Rating
a WordPress rating system

Art director, copywriter e goloso, ha creato numerosi siti di varia natura fra cui Radio Pereira e Godocoldolce.

Leave a Reply

3 commenti

  1. Il gelato per me è il principe dei dolci. Questa iniziativa gli restituisce la nobiltà perduta.

    GD Star Rating
    a WordPress rating system
  2. Pingback: Un finto Cucciolone: Gelato biscotto artigianale

  3. Pingback: I ghiaccioli artigianali di Scrirocco

Next ArticleIl gelato come resistenza all’omologazione - 2